Archivio Autore: Simone Bachechi

“Nero Ananas” di Valerio Aiolli, con una precisa e letteraria scrittura, esplora una delle pagine più oscure della storia d’Italia, scandagliando quella verità che sia la politica che la giustizia non hanno saputo o voluto in tutti questi anni individuare. Tra le stragi di piazza Fontana e della questura di Milano Il romanzo di Valerio […]

“Cani d’estate” è un saggio che prende spunto dal caso della nave Diciotti, una ferita all’umanità inferta da cinici politicanti. L’autore di “Caos calmo” ha messo scrittura, faccia e corpo a servizio di una causa opposta a quella che persegue l’attuale governo italiano Quest’ultimo squarcio di anno che volge al termine ha visto dal punto […]

L’autore de “Gli autunnali” torna in libreria con un racconto, “Trascurate Milano”, molti prestiti letterari, ben dosati, impliciti, mai esibiti. Da sfondo la metropoli lombarda diventa protagonista, come certo vivere borghese, inautentico e fasullo Luca Ricci torna in libreria dopo la parentesi romanzesca de Gli autunnali (ne abbiamo scritto qui), uscito sempre nel 2018 per […]

“La cura”, tagliente e limpido romanzo di Arno Camenisch, autore svizzero che scrive in romancio, è incentrato su una vacanza premio vinta da due coniugi, da trascorrere in un albergo di lusso dell’Engadina. Due diversi approcci alla vita, che non hanno impedito a marito e moglie di condividerla. In 47 brevi capitoli un flusso di coscienza […]

Un romanzo distopico che lascia aperti inquietanti interrogativi. Ecco cosa è “La vita riflessa” di Ernesto Aloia. Marco e Greg, due amici d’infanzia, a seguito del tracollo finanziario globale, s’inventano un social network che regala agli utenti una vera e propria identità gemella, qualcosa che va oltre la loro stessa esistenza reale, anche oltre la […]

Il microcosmo di una città immaginata, Godolphin, racconti pieni ed essenziali, ricchezza di penetrazione del reale e inesauribile impalpabilità ed evocazione del lato nascosto delle cose e dei sentimenti che dovrebbero aiutare a descriverle: ecco, in sintesi, le short stories di “Intima apparenza” scritte da Edith Pearlman, capace come pochi di fondere descrizione e psicologia […]

Un’opera, quella dello scrittore francese, non catalogabile, indescrivibile e inimitabile che si fatica a definire romanzo, l’ennesima tessera del puzzle del suo post-esotismo. Un affascinante e incessante gioco di maschere, in cui il tempo e lo spazio sono illusori “La vera arte deve essere indescrivibile e inimitabile”. Questo diceva Pierre Auguste Renoir, una sorta di […]

Lo scrittore statunitense in “Sognando la luna” racconta, attraverso la voce del nonno, tre generazioni del Novecento, fra memoir e autofiction, con una scrittura sempre controllata e una costante tensione narrativa. Vicende familiari e collettive, oltre a una grande storia d’amore, sono sapientemente miscelati Una narrazione che affonda le radici nella tradizione del romanzo americano […]

In “XXI secolo” Paolo Zardi non sbaglia un periodo e una frase: un bellissimo romanzo distopico in cui il dramma di un uomo che scopre il tradimento della moglie, quando lei è in coma, si intreccia ai disordini di una società allo sbando e alle immaginarie distorsioni geopolitiche della scena internazionale In una fotografia del […]

“Perturbamento” è forse il capolavoro dello scrittore austriaco. Non un libro natalizio o da spiaggia. I personaggi sono automi come nel miglior teatro dell’assurdo, la parte descrittiva appare come l’estensione dei loro sordidi inquietanti paesaggi interiori. La scrittura è algida, spietata e fluviale come in una seduta psicanalitica Certo che ci vuole del coraggio a terminare […]