Archivio Categoria: Classici

Campionessa della narrativa popolare, la nobile ungherese divenne nota per un ciclo di romanzi d’appendice. Torna in libreria il primo della serie, “La primula rossa”. Vecchio di oltre un secolo, appassiona i lettori con intrighi e colpi di scena; protagonista un nobile inglese che mette in salvo gli aristocratici francesi che rischiano la ghigliottina dopo […]

Non solo “Rubé” nell’universo narrativo del critico e scrittore siciliano (ma anche molto cosmopolita) che segnò i primi decenni del Novecento. Riproposto “I vivi e i morti”, il secondo romanzo, in perfetto equilibrio tra riferimenti autobiografici e ricerca interiore. Non una storia lugubre, ma su vita e natura. Protagonista Eliseo Gaddi, che abbandona la città […]

Il ritratto disincantato dei fratelli Mil’grom, tutti impegnati nella ricerca di un altrove rispetto a ciò che sono, fanno e hanno, nella Odessa del Primo Novecento, tra antisemitismo e risvolti violenti del bolscevismo. Ovvero “I cinque” di Vladimir Jabotinsky, il più controverso e ingombrante tra i fondatori dello Stato di Israele A Odessa ogni storia è […]

In “Acqua viva” la scrittura e il linguaggio della scrittrice brasiliana di origini ucraine si radicalizzano, e il lettore è invitato a partecipare all’esperienza quasi divina di uno stato di grazia. Più che da trame e personaggi bisogna lasciarsi trascinare da un caleidoscopio di pensieri incontenibili, immagini e sensazioni Clarice Lispector, brasiliana di origini ucraine, […]

“Himmo di Gerusalemme” dello scrittore israeliano è una storia d’amore, una riflessione sulla vita e sulla morte, una lezione di umanità, quella che impartisce l’infermiera Hamotal a Himmo, ex seduttore gerosolimitano ridotto a un relitto umano Una bocca, perfetta e carnosa, che la prega di sparargli. E tutt’intorno un corpo a pezzi, in disfacimento, come […]

Il passato che torna implacabilmente è al centro de “Il fondo della bottiglia”, tra i più neri e cupi romanzi dello scrittore belga. In una cittadina dell’Arizona, tra ranch e cowboy, l’improvvisa e forzata convivenza fra due fratelli, un rispettabile avvocato e un evaso di prigione, porta a una resa dei conti inevitabile L’anno dopo […]

“Cuori cicatrizzati” del romeno Max Blecher è un romanzo autobiografico: un giovane uomo, segnato dalla tubercolosi alla spina dorsale, la sua permanenza in sanatorio insieme agli altri ospiti, la vita che continua a irrompere fino alla fine, in attesa della fine Il cerchio è chiuso, l’attesa pienamente ripagata, un inconfondibile mondo letterario ha avuto il […]

La Shoah («ciò che è stato») era un macigno sia per Nelly Sachs che per Paul Celan, scampati ai lager a differenza di molti loro familiari. Torna, per Giuntina, la loro “Corrispondenza”: lettere di conforto e confronto reciproco, prima della tragica fine di entrambi Nel 1966 Nelly Sachs avrebbe potuto condividere il Nobel per la […]

Un piccolo saggio, quello dello scrittore americano, sulla disarmante scoperta che la solitudine è l’unica certezza, un dolore inevitabile, da sconfiggere solo con una vita d’amore, secondo gli insegnamenti di Cristo Tra i grandi romanzieri americani Thomas Wolfe rimane poco conosciuto in Italia, nonostante il suo stile abbia influenzato Jack Kerouac e abbia goduto dell’ammirazione […]

Una riscoperta importante è quella de “I viaggi di Beniamino Terzo” di Mendele Moicher Sfurim: non solo belle storie da un mondo esotico e vagheggiato, ma una lezione che dura fino al presente, attraverso la storia paradossale e farsesca di due personaggi che sembrano Don Chisciotte e Sancio Panza Che bello, un nuovo cantastorie yiddish! […]