Archivio Autore: Micol Treves

Un profugo polacco a New York è il protagonista de “Il ciarlatano” di Isaac Bashevis Singer. Hertz Minsker, che si è lasciato alle spalle l’Europa della persecuzione nazista ai danni degli ebrei, non esita a tradire il migliore amico, che lo mantiene, a sedurne la moglie oltre che tante altre donne. E non smette di […]

In “Imprevedibili sprazzi di paternità”, breve e intimissima raccolta di racconti autobiografici, Michael Chabon riflette, attraverso il rapporto con i figli, sulle donne, sul politically correct, su ciò che chiamiamo o intendiamo come “normalità”. E dimostra che la paternità non è un ostacolo nella strada della scrittura Mette da parte le grandi architetture romanzesche con […]

Con “Olocaustico” Alberto Caviglia chiede un cambio di prospettiva. La mossa azzardata di un giovane regista, un ebreo romano in Israele, scatena conseguenze catastrofiche, che mettono in dubbio la Shoah. Si riflette ridendo, con comparse d’eccezione, Philip Roth e Itzhak Rabin… Non solo certezze da Israele o dalla migliore tradizione della letteratura ebraica, ma anche […]

Un amore omosessuale clandestino fra partigiani rievocato a mezzo secolo di distanza, quando uno dei due innamorati, ormai anziano, rintraccia telefonicamente l’altro. Inizia così “Un altro candore” di Giacomo Verri, uno dei più bei romanzi dell’anno. Lo scrittore dimostra conoscenze storiche, padroneggia i meccanismi narrativi e i piani temporali e poi ci mette del suo… […]

“La luce è là”, esordio della palermitana Agata Bazzi, è la storia romanzata della famiglia Ahrens, che dalla fine dell’Ottocento alle leggi razziali del fascismo prosperò a Palermo. Una dinastia al femminile in una Sicilia cosmopolita e industriale, una macchina narrativa che funziona, un libro di grande partecipazione emotiva, visto che l’autrice è discendente degli […]

Due provinciali, fedeli l’una all’altra nonostante distanze abissali: modesta e saggia Marie, audace e sensuale Sylvie. Sbarcano il lunario a Parigi, dove si perdono di vista per decenni, prima di ritrovarsi. Sylvie chiede ancora una volta una mano e… s’arriva a un gran finale, che esalta Simenon, maestro di atmosfere e psicologie Due terzi di […]

Un flusso di pensieri fatto di domande, ossessioni e ironia a proposito del diventare genitori. La canadese Sheila Heti con “Maternità”  scrive un libro che si divora e che tocca un tabù: anche nelle società più avanzate le donne senza figli non sono accettate. Diventar madre è solo uno scenario possibile, dinanzi all’orologio biologico. E […]

Un recupero prezioso, “Anna Édes” dell’ungherese Kostolanyi. La taciturna e devota domestica di una famiglia borghese nell’Ungheria dei primi decenni del ventesimo secolo sarà arrestata e processata dopo un irrazionale fatto di sangue. Un romanzo apparentemente ottocentesco, pienamente novecentesco La vittima che si fa carnefice? La ribellione di una mite? Certo, ma non solo. L’ungherese […]

Non un giallo, ma la vivisezione dei tormenti interiori di un giovane uomo, sorretta da una bella scrittura. Un’esistenza tormentata e fuori dagli schemi ricostruita da un cronista e dalle voci di chi l’ha conosciuto. Ecco cosa è “Tremante”, il più recente romanzo di Massimiliano Città La struttura narrativa di Tremante (186 pagine, 18,50 euro) […]

“Suite per quarti di vacca” è l’ultimo libro del palermitano Nino Vetri. Fedele al suo stile ironico e surreale, torna a scrivere della sua città, attraverso un personaggio paranoico, istintivo e vitale, Wagner III Si può fare collezione di ghigni amari leggendo Suite per quarti di vacca (131 pagine, 12 euro), ultimo libro del palermitano […]