Archivio Autore: Alessandro Orofino

Tre donne aspettano un bambino senza gioia: per loro all’attesa del futuro si sostituisce l’impazienza del presente. Le loro controparti maschili sono ombre che vagano nel buio. Coppie che si sfiorano senza interagire mai davvero. Spiazza e confonde “Lontano dagli occhi”, il più recente romanzo di Paolo Di Paolo Storia tripolare. Luciana, Valentina, Cecilia. Tre […]

Con “Bianco” di Bret Easton Ellis emerge una voce irrinunciabile in un periodo storico in cui è in pericolo la libertà d’espressione. Si scaglia contro la “corporation”, contro il pensiero unico, consapevole che «sfidare qualsivoglia tabù sia la strada più onesta da percorrere in questo mondo» Meglio non usare troppi giri di parole ed essere […]

In “Loro sono Caino” di Flavio Ignelzi, tra toni apocalittici e tenebrosi, si respira una tensione costante: una casa nel bosco, un paese di montagna, abitanti rancorosi e una Ianara, sacerdotessa del libro, compiuta rappresentazione dell’atmosfera cupa Passamontagna in testa, Flavio Ignelzi sequestra il lettore e se lo porta a spasso dove vuole. Con Loro […]

In “A volte ritorno” di John Niven bisogna immaginarsi un Gesù che torna sulla Terra, più disinvolto e fuori dagli schemi; occorre dimenticare gli insegnamenti del catechismo. Un romanzo che mette il dito nelle piaghe del mondo, ma senza paternalismi o moralismi Ci vuole fegato a scrivere un libro che parla di un ritorno del […]

La dorsale appenninica dei piccoli borghi è una cicatrice amata dal poeta Franco Arminio e dall’ex leader dei CCCP, Giovanni Lindo Ferretti. Si muovono tra bellezze e incongruenze, ne “L’Italia profonda”, e vedono vita e salvezza dove altri vedono solo disperazione e solitudine Partiamo dal nocciolo della questione, l’anima di questo pamphlet edito da Gog, […]

“I re del mondo” di Don Winslow è un romanzo edipico dove tocca ai figli giudicare i propri padri e chiedere loro conto di certi cambiamenti e di alcune incoerenze. Un libro che è rock ‘n roll in chiave letteraria Ma quante volte dobbiamo ripeterlo? A Don Winslow piace scrivere romanzi politici. Okay? Okay! Sì, […]

L’essenziale “Uomini e topi” di John Steinbeck non ha fronzoli né divagazioni. I due protagonisti George e Lennie si sostengono e riempiono i rispettivi vuoti, fino al finale non banale ma quasi incomprensibile Uomini e topi (139 pagine, 12 euro) di John Steinbeck, tradotto da Michele Mari, edito da Bompiani, è un testo essenziale. Costruito […]

C’è un retrogusto triste e crepuscolare ne “Le particelle elementari” di Michel Houllebecq. L’amore si infrange inutilmente sulla morte e il futuro appartiene a esseri pressochè perfetti, assurti al rango di dei Michel Houllebecq è un high level. O un next level, fate vobis. Nel senso che le sue letture spaziano dalla narrativa tout-court, alla […]

Un uomo che non si rassegna alla scomparsa della figlia, un romanzo che confonde e irretisce il lettore, lo frastorna. C’è questo (e altro) in “Tu che eri ogni ragazza” di Emanuela Cocco: i viaggi introspettivi hanno il sopravvento, come la ricerca del senso sul senso stesso Libro complesso e complicato. Amarostico. Tu che eri […]

La scalata sociale di quello che era un umile maestro di provincia nel primo dei tre volumi che Antonio Scurati dedicherà al dittatore fascista. Al di là della vittoria del premio Strega, un romanzo intenso e potente su un animale politico, un individuo funambolico, tra fortuna, calcolo e violenza Se decidi di leggerti un libro […]