Archivio Autore: Giovanni Di Marco

Dall’idea iniziale di un libro sull’arte della meditazione a un testo autobiografico, crudo e impietoso. Ecco “Yoga” di Emmanuel Carrère, racconto irrequieto e discontinuo, specchio profondo in cui il lettore si riflette; la struttura si fa superba metafora degli stessi alti e bassi di cui è vittima l’autore, che confessa di soffrire di una forma di […]

Telmo Pievani e Mauro Varotto hanno scritto, con approccio scientifico e creativo, un libro sul rischio di catastrofe che, dati scientifici alla mano, il nostro pianeta corre. In “Viaggio nell’Italia dell’Antropocene” immaginano il Gran Tour in Italia di uno studente nord-europeo che, nel 2786, si trova di fronte un Belpaese in cui le città costiere […]

Una stirpe di rabbini, tra le strade impolverate della Toscana e della Palestina, è al centro de “Il rinnegato”, giallo letterario dello storico Ariel Toaff, in cui riecheggiano trasfigurati alcuni cenni autobiografici. Una storia che trascina il lettore fra le atmosfere ebraiche di un Ottocento affascinante ed enigmatico, come Eco aveva fatto col Medioevo… Dopo aver fatto […]

Un viaggio immaginifico, fuori dal tempo e dallo spazio conosciuto. È un grande romanzo “Piranesi” di Susanna Clarke, che evoca un futuro decadente per il genere umano. Protagoniste la solitudine e la prigionia di Piranesi, individuo che non ricorda il passato né il suo nome e vive in un intricato labirinto… Più che una rivelazione, […]

“Quando abbiamo smesso di capire il mondo” di Benjamin Labatut ha, al di là del titolo evocativo, una prosa asciutta, diretta, senza fronzoli. Con cui lo scrittore cileno romanza porzioni di vita di alcune delle menti più straordinarie degli ultimi secoli, che hanno segnato svolte epocali, nel bene e nel male. Il fil rouge conduce alla […]

Intervista a Romina Arena, autrice di “Leggete e moltiplicatevi. Manuale di lettura consapevole”: “Approfondisco il tema della letteratura come pedagogia e provocazione, come strumento che conduce a livelli sempre più sottili e profondi di conoscenza. Leggere in maniera consapevole, infatti, è avere una percezione globale della storia nella quale ci si immerge. Significa permettere alle parole […]

“L’isola del silenzio” di Horacio Verbitsky è il risultato di una coraggiosa inchiesta giornalistica, durata quindici anni, su connivenze e complicità della chiesa argentina con la dittatura. Un’opera che racconta il dolore mai superato dei sopravvissuti e quello delle madri dei desaparecidos, ma soprattutto le responsabilità e il silenzio complice del clero, oltre alle accuse […]

Un’America contraddittoria, in cui la violenza quotidiana non fa notizia e l’autolesionismo sembra l’unico modo per sopravvivere al fallimento. La racconta Stephen Markley in “Ohio”, attraverso un gruppo di ex ragazzi di provincia, cresciuti e alle prese con la propria vita e i propri sogni in fumo L’ultima cartolina dalla tanto celebrata (in termini letterari) […]

Intervista a Davide Brullo che ha pubblicato “Stroncature”, antologia di suoi articoli tutt’altro che teneri su intoccabili e autori di bestseller: «La stroncatura è il genio della crudeltà, anzi tutto rivolta contro se stessi, è il talento di indossare il destino del Chisciotte, abitando un incanto che sfiora sempre il ridicolo. Oggi mi pare che gli […]

Stefano Amato ha immaginato una certa Sicilia del futuro, trash e senza regole, in “Stupidistan”: “Siamo il popolo che legge meno, con il maggior numero di ragazzi che abbandonano la scuola prima del tempo e poi non lavorano né imparano un mestiere, abbiamo un numero impressionante di analfabeti funzionali, e potrei andare avanti. Ma mi […]