Archivio Autore: Grazia La Paglia

Se scegliamo di liberarci da ruoli imposti, quanto e come veniamo (ri)accettati dal contesto che abbiamo tradito? E quanto abbiamo sciupato per adeguarci a certe etichette? Queste sembrano essere alcune delle domande di fondo de “Le voci della sera” di Natalia Ginzburg Ma perché abbiamo sciupato tutto, tutto? È questa la domanda che si ripetono […]

“Cambiare l’acqua ai fiori”, bestseller di Valérie Perrin, è un romanzo difficile da definire, sull’amore e sulla morte, che sembra muoversi parallelamente ai brani della band Social Distortion… Cambiare l’acqua ai fiori (476 pagine, 18 euro) di Valérie Perrin (edizioni e/o) è un libro difficile da definire. Cercando di voler riassumere e semplificare, si potrebbe […]

C’è una lettera che invita alla verità, anche se fa male, ed è un po’ il nucleo di “Caro Michele” di Natalia Ginzburg. Protagonisti una madre e un figlio, una famiglia senza lessico… famigliare C’è una lettera che parla al cuore di chi legge. Che ci mette faccia a faccia con una verità a cui […]

“Libro del sole” di Matteo Trevisani scavalca razionalità e fisicità, leggendolo possiamo dimenticarci del mondo così per come lo conosciamo e immaginarcelo diverso. Due anime, una giovane donna e un giovane uomo, si rincorrono e si perdono in un autentico inseguimento dell’amore, in cui a giocare un ruolo decisivo è il cosmo, ma non quello […]

Il realismo cruento dei libri di Tiffany McDaniel e le sue storie dolci e amare, tenebrose e ricche di amore? Vite al limite, raccontate senza nascondere nulla e con le donne – tra paure, regole e lotte – come filo conduttore Parlare di Tiffany McDaniel e dei suoi libri penso sia la cosa più difficile […]

Un realismo che si carica di metafore, uno sguardo su ciò che lo circonda ma per spiegare qualcosa di più, un contesto critico-gnoseologico entro cui ci si interroga sulla temi della verità, della giustizia, della libertà, del Potere e della Storia. Ragionando su Leonardo Sciascia a cento anni dalla sua nascita   Non c’è nulla […]

Non china la testa, Cosimo Piovasco di Rondò, e mantiene la promessa di resistere sugli alberi, ne “Il barone rampante” di Italo Calvino, la cui eco pervade anche “Gli alberi”, un brano della band milanese “I ministri”. Un parallelo e alcune corispondenze… Curati, tagliati, sterminati, ripiantati, segati, aggrediti, ricostuditi. Fonte di ossigeno, cellulosa, casa di […]

In uno dei racconti de “L’uomo invaso” Gesualdo Bufalino rivisita il mito greco di Orfeo ed Euridice, con gli occhi e i pensieri della donna, scrive l’altra faccia della medaglia. Lo sguardo fatale all’amata, tramandato nei secoli, con un amaro significato… Terza instantanea che dedichiamo a Bufalino in vista del centenario della sua nascita Lo […]

Disperazione, noia e fuga, dinanzi alla libertà che viene meno. Seconda rassegna, dopo la prima, di tre noti romanzi di Alberto Moravia – “1934”, “La noia” e “La ciociara” – tre approcci alla società e alle etichette imposte… La disperazione, la noia, la fuga: ecco altre tre opere di Alberto Moravia che possono fungere da […]

Le diverse prospettive e i molteplici significati della luna secondo Italo Calvino: il satellite terrestre tra contatto con la natura e sofferenze di amori non ricambiati, nelle pagine di “Marcovaldo”, “Le Cosmicomiche” e “Palomar” La luna: come farebbero i poeti, senza di lei? E gli innamorati? Come faremmo noi, senza di lei, nelle notti estive, […]