Archivio Tag: La Nave di Teseo

La discriminazione razziale negli Usa contro gli asiatici al centro del romanzo “Chinatown interiore” di Charles Yu. In tempi di “Black lives matter” si dimostra che il nero è comunque dentro la dialettica sociale americana, mentre l’asiatico ne è del tutto escluso. Dal ghetto però si può uscire, c’è un orizzonte… Chinatown Interiore (288 pagine, […]

Di autori italiani o stranieri, classici o contemporanei, complessi o d’evasione, di ogni genere (ammesso che esistano ancora i generi). Ecco i titoli dei libri che vi suggeriamo nel cuore dell’estate 2021. Buone letture! “Diario d’Irlanda” di Heinrich Böll (Mondadori) traduzione di Marianello Marianelli In periodi di vacanze, anche per chi per scelta o necessità […]

Il 17 maggio è la giornata internazionale contro l’omofobia e vi proponiamo una breve selezione di libri. Vogliamo un mondo in cui non ci sia più spazio per violenza, discriminazione, pregiudizi e per la violazione dei diritti LGBTIQA+. “La vita sconosciuta” di Crocifisso Dentello (La Nave di Teseo) Ogni vita ha la sua buona percentuale, […]

Primo maggio senza celebrazioni, seconda Festa dei lavoratori condizionata dalla pandemia, le statistiche sull’occupazione che non promettono nulla di buono e noi rilanciamo con diciannove libri – classici e contemporanei, narrativi e saggistici – che puntano gli occhi su splendori e miserie del lavoro: quello che c’è, quello che manca, quello precario, dal punto di vista […]

Katharina Volckmer debutta con “Un cazzo ebreo”, incessante flusso di pensieri in formato monologo: una donna tedesca, trasferita a Londra, parla di sé in uno studio medico, tra ricordi e sensi di colpa. L’autrice, però, avrebbe potuto fare di più e di meglio… Un esordio letterario alquanto ambizioso, quello della tedesca Katharina Volckmer, autrice di Un […]

Un hard boiled mozzafiato che cattura i lettori e la cui trama si basa su un gioco delle duplicazioni. È “L’anomalia” di Hervé Le Tellier, libro che ha vinto il Goncourt 2020. Che tipo di romanzo è? Lo si evince da più di un indizio che l’autore lascia fra le pagine… Proponendomi la massima diligenza […]

Umberto Eco non ha mai smesso di interrogarsi sui meccanismi della semiosi e sulla società. Il suo è un pensiero orientato, sempre versatile, pronto ad allargarsi includendo nuovi interessi in un… magma costante. Stefano Traini, allievo del grande semiologo, si cimenta nella sfida di raccontare il maestro a cinque anni dalla scomparsa. nasce così il […]

I massimi sistemi – eternità e posterità, tutte le forme di consolazione, il vitalismo ottimistico, le evidenze scientifiche, il ruolo della letteratura – sono al centro dell’epistolario di Massimiliano Parente e Giorgio Vallortigara, le pagine serissime e ironiche di “Lettere dalla fine del mondo”. Ma su tutto spiccano l’assenza di senso della vita e l’ineluttabilità della morte. E […]

Un giallo che non è giallo, “Tre madri” di Francesca Serafini. Almeno nella misura in cui la protagonista, la poliziotta Lisa Mancini, s’immerge nei tormenti della propria anima parallelamente alla ricerca di soluzione per alcuni delitti. Un romanzo, quello della nota sceneggiatrice, fuori dal comune per sintassi, punteggiatura e chiaroscuri sentimentali Tre madri (304 pagine, […]

“Discorso su due piedi (il calcio)” di Carmelo Bene ed Enrico Ghezzi è l’occasione per parlare di ben altre cose, oltre al calcio. Un dialogo che, passando anche dai gesti di grandi campioni dello sport, approda alla distinzione tra atto e azione, ove l’azione è legata al principio di consequenzialità, di sceneggiatura, di testo a […]