Archivio Tag: Einaudi

Una sceneggiatura mozzafiato, quella di “Una perfetta bugia” di Peter Swanson. Dopo il ritrovamento del cadavere di un libraio, un villaggio costiero del Maine sarà sconvolto da altri omicidi inspiegabili. Una corsa che il lettore non vuol smettere Una perfetta bugia (328 pagine, 18,50) di Peter Swanson, edito da Einaudi nella traduzione di Letizia Sacchini, […]

Super classici e novità. Non solo romanzi, tutti titoli stimolanti. Proposte di lettura che ci piace fare per questo agosto che concluderà l’estate. Ecco i libri che le firme di LuciaLibri suggeriscono “Le fantastiche avventure di Kavalier e Clay” di Michael Chabon (Bur) Sarà un’estate da ricordare se leggerete questo romanzo totale sul sogno americano, […]

Watanabe – protagonista di “Frattura” dell’argentino Andres Neuman – impara a curare le cicatrici del corpo, ma soprattutto dell’anima, attraverso il Kintsugi, l’arte giapponese di riparare oggetti rotti con fili d’oro. La storia di un uomo errante, fra nazioni e amori, che fa i conti con le tragedie atomiche, da Hiroshima a Fukushima, passando per […]

Ne “Il confine” Don Winslow continua la saga di Arturo Art Keller: contesti ricchissimi e miserrimi, un brulicare di punti di vista e di contrastanti impatti emozionali, narrati con dura maestria. Per comprendere qualcosa di spacciatori e tossici, di cartelli della droga, di armi e del denaro sporco nei santuari della finanza Messico e Usa, […]

La messinese Nadia Terranova nella cinquina del Premio Strega 2019 con “Addio fantasmi”: “I problemi della mia protagonista Ida? Non vanno superati, né bisogna aspettare qualcuno te li risolva. Lei non guarda al futuro? Perché in questo romanzo si sta come dentro una conchiglia… Scrivere qualcosa di nuovo? Non significherebbe abbandonare i miei temi o […]

“Nemico, amico, amante” è una raccolta del Nobel Alice Munro caratterizzata da un uso spasmodico delle descrizioni, per una lettura lenta, claudicante. Nove racconti in cui non mancano argomenti e orizzonti rilevanti, ma che sono orfani di un’adeguata veste letteraria Nove racconti. Nove lunghissimi, interminabili, estenuanti racconti. Che non si sa bene se siano più […]

“Senza mai arrivare in cima” di Paolo Cognetti è una cronaca di viaggio, anche interiore, con riflessioni che finiscono per comprendere soprattutto la natura. Tra contemplazione e ricerca di perfezione Mare, cielo, montagna, colle, pianura sono stati sempre oggetto d’ispirazione artistica. La natura nei suoi elementi costituitivi, spesso produce stati d’animo, emozioni, genera pensieri in […]

Due libri di cui è difficile spiegare a parole il fascino, ma di cui è facilissimo innamorarsi. Da “Parlarne tra amici” a “Persone normali”, che si assomigliano ma sono diametralmente opposti, Sally Rooney da un romanzo all’altro stravolge certi temi, ma sceglie sempre la profondità È stato detto che la sorpresa indotta da questo secondo […]

Un improbabile romanzo di vecchiette arzille che compiono una rapina e scappano attraverso mezza Francia – “Le solite sospette” di John Niven – con altri personaggi al limite del parossismo. Ma sotto la superficie c’è l’esigenza di un cambio di passo, nella vita, che restituisca senso al tutto Vabbè, Le solite sospette (346 pagine, 12,50 […]

Ne “La macchina del vento” di Wu Ming 1, ambientato nell’Italia del 1939, gli uomini al confino dell’isola di Ventotene – crocevia di mondi e di esperienze possibili – sono capaci di «vedere il futuro» Includere nella stessa storia Sandro Pertini, Ettore Majorana, Poseidone, Ares e Atena e un cammeo di John Steinbeck sarebbe (anzi è) […]