Archivio Tag: Abbot

Svelata la lista (eccola qui) dei libri di autori italiani del 2022 che abbiamo amato di più, ecco quella dei volumi di autori stranieri che abbiamo più amato quest’anno. Ci eravamo espressi anche negli anni precedenti (ecco i link per i più amati del 2022, del 2021, del 2020, del 2019, del 2018 e del 2017). Di seguito gli 11 più apprezzati […]

I libri di autori italiani editi nell’anno solare che abbiamo amato di più, con i primi 11 a pari merito, in ordine alfabetico. Il nostro gioco torna come negli anni scorsi (ecco i link con i libri del 2022, del 2021, del 2020, del 2019, del 2018 e del 2017). Ogni firma di LuciaLibri poteva indicare fino a tre titoli, non tutti […]

“Il ponte” dell’impeccabile Willa Cather è l’occasione per scoprire o riscoprire questa scrittrice che negli Stati Uniti è un classico. Sotto i riflettori un triangolo amoroso – lei, lui e l’amante di lui – in virtù di un amore giovanile che si riaccende, i tormenti e i tira e molla e un evento che tutto […]

La Grande Guerra vista dal basso della trincea, una scrittura semplice e lirica quella di Nordio Zorzenon, autore di “Milite ignoto”. La struggente vicenda di un ragazzo investito dalla Storia, che non fa domande e si arrende al destino… La guerra non era una maledizione del cielo, era roba di quaggiù. Baionette e cannoni, trincee […]

“Uno che si salva” è un racconto lungo di Francesco Jovine, un dramma borghese che sembra lontano dalle coordinate e dalle dinamiche delle sue opere maggiori, storie di vinti e affreschi della civiltà contadina, ispirate da verismo e naturalismo. Protagonista un borghese di campagna e la sua difficile integrazione in una grande città… Francesco Jovine, chi era […]

Torna “Fronti e frontiere”, un classico di Joyce Lussu, intellettuale e combattente per la libertà, contro fascismi e totalitarismi, per tutta la vita. Un diario scritto di getto sugli anni della seconda guerra mondiale, vissuti assieme al marito Emilio: l’organizzazione rocambolesca della Resistenza in vari Paesi, i cambi di identità e nazionalità, le fughe e […]

L’indicibile tra i ricordi d’infanzia e i dolori dell’età avanzata. Per una volta Maurizio Maggiani si guarda dentro e ne scrive, in un diario di qualche anno fa, “Basta, davvero”. Poche pagine preziose, stupore di breve durata, in cui c’è il Maggiani “orfano di molte cose”, il coltivatore di rose, l’ipovedente e il figlio alle […]